Don Antonio Coluccia, prete - coraggio al Morselli

Necessità di vivere il territorio e renderlo nostro sottraendolo alle politiche malavitose, contrastando il senso di rassegnazione che dilaga nei giorni d’oggi.

Questo l’invito di don Antonio Coluccia agli alunni delle terze classi dell’istituto, che hanno avuto l’onore di vivere nella giornata odierna una figura così carismatica e vicina a tal punto di instillare in loro il senso di una cittadinanza attiva e responsabile verso il bene comune. "Ciò che manca oggi ai ragazzi della vostra età - riferisce don Antonio - è la costante mancanza di felicità che li porta ad essere vittime di dipendenze e sistemi malavitosi. Leggete, studiate, questa la vera e unica arma contro la mafia; ribellatevi per favorire il cambiamento del vostro paese bello e contraddittorio nello stesso tempo."

Don Antonio Coluccia, prete-coraggio salentino, costretto a vivere "blindato" perché ha trasformato una villa confiscata alla banda della Magliana nella comunità di accoglienza "don Giustino" a Roma.

Pubblicata il 24 febbraio 2020

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.